La Suprema Corte

Al vertice  della giurisdizione, assicura l'esatta osservanza e l'uniforme interpretazione della legge.

In ambito penale, la Corte di Cassazione controlla la congruità logico-giuridica della motivazione che ha portato
alla misura cautelare coercitiva della libertà, come riguardo alla mancata risposta a specifica lamentela
fatta valere davanti il Tribunale del Riesame.
É previsto il ricorso per saltum, ricorrendo direttamente in Cassazione avverso la misura coercitiva,
deducendo la mancanza assoluta di motivazione o la motivazione apparente.

 

 

  • Approfittare di una persona fragile è reato Open or Close

    (Pubblicato il 15.10.2019) Corte di Cassazione Sezione II Sentenza 7.11.2018 Depositata 28.1.2019

    Il delitto previsto dall'art. 643 c.p. può essere commesso in danno di persona in stato di infermità psichica o in condizione soggettiva che, sebbene non patologica, menomi le facoltà intellettive e volitive del soggetto, quale conseguenza di una anomalia mentale; ovvero in danno di un soggetto in stato di deficienza psichica dipendente da particolari situazioni fisiche (età avanzata, fragilità di carattere) o da anomale dinamiche relazionali idonee a menomare le facoltà intellettive e volitive.

  • Casellario Giudiziale Open or Close

    (Pubblicato il 3.10.2019) Corte di Cassazione Sezioni Unite Sentenza n. 38954 udienza 30.5.2019

    deposito del 24.9.2019

    Il provvedimento di archiviazione per particolare tenuità del fatto ex art. 131-bis c.p. deve essere iscritto nel casellario giudiziale, fermo restando che non deve essere fatta menzione nei certificati a richiesta dell'interessato, del datore di lavoro e della pubblica amministrazione.

  • sospensione condizionale della pena, applicazione del beneficio Open or Close

    (Pubblicato 29.5.2019) Corte di Cassazione Sezione Unite SEnt. n. 22533 ud. 25.102018 deposito del 22.5.2019

    Fermo restando il dovere del giudice d'appello di motivare il mancato esercizio del potere ufficioso di applicare la sospensione condizionale della pena, l'impuato, in presenza delle condizioni che ne consentano il riconoscimento, specialmente se sopravvenute al giudizio di primo grado, deve formulare relativa richiesta in appello, in difetto non può dolersi con ricorso in Cassazione della sua mancata applicazione.

  • Riabilitazione speciale per i minorenni Open or Close

    (Pubblicato il 18.3.2019) Corte di Cassazione I sez. sent. n. 9425 ud. 18.2.2019

    Ai sensi dell'art. 24 r.d.l. 20.7.1934 n. 1404, in tema di riabilitazione speciale per i minorenni, ove la prova dell'emenda del minore condannato appaia a una prima indagine insufficiente, il giudice ha il potere-dovere, dandone adeguata motivazione, di differire la decisione in un momento successivo, entro il il compimento del venticinquesimo anno di età. 

  • Reato continuato Open or Close

    (Pubblicato il 14.2.2019) Corte di CassazioneSezione I Penale sent. n. 4119 ud. 15.1.2019 dep. 28.1.2019

    Il medesimo disegno criminoso può configurarsi anche quando uno dei reati facenti parte dell'ideazione e programmazione unitaria abbia avuto esito aberrante rispetto all'originaria determinazione, in quanto, per un mero errore esecutivo, l'evento voluto dall'agente si sia verificato in danno di una persona diversa da quella alla quale l'offesa era diretta, atteso che l'accidentale mutamento dell'oggetto materiale della condotta non incide sull'elemento soggettivo.

  • Designazione del sostituto avvocato Open or Close

    (Pubblicato il 30.11.2018) Corte di Cassazione I Sez. sent. n. 48862 ud. 2.10.2018 deposito 26.10.2018

    L'art. 96 II° comma c.p.p., alla luce dell'abrogazione dell'art.9 del r.d.l. n. 1578/1932, conv. dalla l. 36/1934, per effetto della legge 247/2012 di riforma dell'ordinamento della professione forense, consente che la designazione dell'avvocato sostituto da parte del difensore titolare possa essere effettuata con delega "orale".

  • Notificazioni Open or Close

    (Pubblicato il 27.11.2018) I Sezione Corte di Cassazione Sentenza n. 50973/2018

    Udienza 25.6.2018 deposito 8.11.2018

    Il domicilio determinato ai sensi dell'art. 161 2° comma c.p.p. va individuato nel luogo ove è avvenuta la prima notificazione con consegna a mani proprie, anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio indicato sull'atto da notificare, qualora il destinatario, avuta così piena conoscenza del procedimento a suo carico, abbia ugualmente omesso di eleggere o dichiarare un diverso domicilio.

  • Abuso edilizio Open or Close

    (Pubblicato il 20.11.2018) Sentenza n. 48248 del 23.10.2018 Terza sezione Corte di Cassazione

    Con riferimento al reato urbanistico (art.44 DPR 380/2011) e paesaggistico ( art. 181 D. lgs 42/2004) il giudice che ha pronunciato sentenza di non punibilità ex art 131 bis c.p., non può ordinare la rimessione in pristino dei luoghi o la demolizione delle opere abusive, mancando il presupposto della sentenza di condanna, fatto salvo il potere di disposizione in capo all'autorità amministrativa.

  • Rubare per fame è reato. Open or Close

    (Pubblicato il 15.3.2017) Cassazione penale sez. IV sentenza n. 6635/2017

    "La situazione di indigenza non è di per sé idonea ad integrare la scriminante dello stato di necessità per difetto degli elementi dell'attualità e dell'inevitabilità del pericolo, atteso che alle esigenze delle persone che versano in tale stato è possibile provvedere per mezzo degli istituti di assistenza sociale".

     

  • Obbligo di restituzione dei documenti per l'amministratore di condominio. Open or Close

    (Pubblicato l'8.3.2017) Cassazione penale sez. II sentenza n. 38660/2016

    "All'atto di cessazione del proprio incarico, l'amministratore di condominio è sempre tenuto a riconsegnare i documenti e la cassa e ciò anche se la sua revoca è irrituale".

  • E' reato rifiutare gli accertamenti etilometrici. Open or Close

    (Pubblicato il 17.2.2017) Cassazione penale sez. IV n. 4236/2017

    "Nel caso di ricovero del conducente presso una struttura sanitaria a seguito di incidente, i risultati dei prelievi effettuati su richiesta della polizia giudiziaria sono utilizzabili nei confronti dell'imputato per l'accertamento del reato di guida in stato di ebbrezza. Trattandosi di elementi di prova acquisiti attraverso la documentazione medica e restando irrilevante ai fini dell'utilizzabilità processuale, la mancanza del consenso, nondimeno il prelievo non può essere effettuabile laddove il paziente rifiuti espressamente di sottoporsi a qualsiasi trattamento sanitario, in tale ultima ipotesi si configura il reato di rifiuto".

  • E' lecito registrare le conversazioni con il cellulare. Open or Close

    (Pubblicato il 13.2.2017) Cassazione penale sez. III n. 5241/2017

    "Le registrazioni video e/o sonore tra presenti o anche di una conversazione telefonica effettuata da uno dei partecipanti al colloquio, costituisce prova documentale valida e particolarmente attendibile perchè cristallizza in via definitiva ed oggettiva un fatto storico".

  • E' reato imporre il collare elettrico al proprio cane. Open or Close

    (Pubblicato il 20.1.2017) Cassazione sentenza n. 50591/2016.

    La Suprema Corte di Cassazione ha stabilito che commette reato di maltrattamenti di animali il padrone che impone al proprio cane il collare elettrico in grado di procurargli sofferenze mediante una scossa emessa dagli elettrodi. La Corte sottolinea come tali scosse elettriche siano produttive di sofferenze e conseguenze anche sul sistema nervoso dell'animale.

  • Spazio minimo da assicurare al detenuto Open or Close

    (Pubblicato il 16.12.2016)

    Corte di Cassazione Sentenza n. 52819 ud. 9.9.2016 deposito del 13.12.2016

    La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza in epigrafe ha affermato che la superficie della cella pari o superiore a tre metri quadrati da assicurare ad ogni detenuto, secondo l'art. 3 della Convenzione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, va considerata al netto dell'area riservata ai servizi igienici e quella occupata da strutture tendenzialmente fisse, tra cui il letto, mentre non rilevano gli altri arredi facilmente amovibili.

  • Armi Open or Close

    (Pubblicato il 5.12.2016)

    Corte di Cassazione VII sezione - sentenza n. 45992 ud. del 30.9.2016 deposito del 2.11.2016

    " In forza delle modifiche introdotte dai commi 3-septies e 3-octies dell'art. 3 D.L. n. 7 del 18 febbraio 2015, convertito con modificazioni nella legge n. 43 del 17 aprile 2015, nel testo dell'art. 38, primo comma, del T.U.L.P.S. e nell'art.697 cod. pen., l'obbligo di denuncia All'autorità di P.S. è attualmente limitato alla detenzione dei "soli" caricatori in grado di contenere un numero superiore a 5 colpi per le armi lunghe e superiore a 15 colpi per le armi corte; l'omessa denuncia dei caricatori che superino i predetti limiti, inoltre, è ora punita - a titolo di contravvenzione - ai sensi dell'art. 697 cod. pen.".

  • Reati contro il patrimonio - Vendite "on line" Open or Close

    (Pubblicato il 1.12.2016)

    Corte di Cassazione II Sezione - Sentenza n. 43705 ud. 29.9.2016 depositata il 14.10.2016

    La Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza in epigrafe, ha affermato, in relazione al reato di truffa commesso attraverso le vendite  "on line", la configurabilità della circostanza aggravante prevista dall'art. 61 n.5 c.p., richiamata dall'art. 640, comma 2, n. 2 bis c.p., siddetta "minorata difesa".

    Nella fattispecie è stato riconosciuto che l'agente "ha consapevolmente approfittato dell'utilizzo di particolari modalità costituite dall'utilizzo del sistema informatico o telematico".

  • E' reato abbandonare i genitori anziani. Open or Close

    ( Pubblicato il 11.11.2016) Cass. sent. n. 44098 18.10.2016
    Con la sentenza in oggetto la Suprema Corte di Cassazione ha stabilito che lasciare il padre anziano da solo può costituire un'ipotesi di abbandono di persone incapaci.
    Per la Corte di Cassazione il reato di cui all'art. 591 c.p. si configura quando si pongono in essere condotte contrarie all'obbligo giuridico di cura verso colui che ne ha bisogno e si accerti un pericolo per il soggetto.

     

  • Minaccia di autolesionismo è reato. Open or Close

    (Pubblicato il 19/9/2016) Corte di Cassazione VI Sezione Penale n.37798/2016

    La Suprema Corte di Cassazione ha stabilito che in caso di minacciato atto di autolesionismo di un soggetto dinanzi alla polizia giudiziaria, per sottrarsi a quest'ulitima, è idoneo ad integrare il reato di cui all’art. 337 c.p. (Resitenza a Pubblico Ufficiale).

  • Rifiuto di sottoporsi all’accertamento alcoolimetrico Open or Close

    (Pubblicato il 12/9/2016) Corte di Cassazione n. 13682 del 25/2/2016

    Le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione hanno affermato che la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, di cui all’art. 131-bis cod. pen., è compatibile con il reato di rifiuto di sottoporsi all’accertamento alcoolimetrico, previsto dall’art. 186, comma 7, cod. strada. 

    Quindi il reato di rifiuto di sottoporsi all'accertamento alcoolemico sussiste anche se vi è tenuità del fatto. 

  • Reato di appropriazione indebita da parte dell'amministratore di condominio Open or Close

    (Pubblicato il 5/9/2016) Corte di Cassazione Penale con la sentenza n.33547 dell'1/8/2016.

    La Suprema Corte di Cassazione ha stabilito che se l'amministratore di condominio versa su un suo conto privato il denaro comune rischia una condanna per appropriazione indebita. 

  • Stalking tra genitori e figli Open or Close

    (Pubblicato il 25/7/2016) Corte di Cassazione Penale Sez. V Penale 13/7/2016 n. 29705.

    La Suprema Corte di Cassazione ha stabilito che se il figlio tiene una condotta persecutoria con atteggiamenti opprimenti e minacciosi al fine di ottenere denaro dai propri genitori integrare il reato di stalking ex art. 612 bis c.p. 

  • Il reato di stalking si configura anche tramite facebook Open or Close

    (Pubblicato il 18/7/2016) Cassazione penale Sezione V del 23/5/2016 n. 21407

    La Suprema Corte di Cassazione ha ribadito le caratteristiche fondamentali del reato di stalking  anche tramite l'utilizzo di social network, infatti la reteirazione delle condotte rappresenta il fulcro del reato, nella fattispecie sono sufficienti più condotte di minacce e molestie rappresentate dai singoli messaggi inviati sui social network.

    La Suprema Corte nel confermare che il delitto di atti persecutori è reato abituale che differisce dai reati di molestie e di minacce, che pure ne possono rappresentare un elemento costitutivo, per la produzione di un evento di "danno", consistente nell'alterazione delle proprie abitudini di vita o in un perdurante e grave stato di ansia o di paura, o, in alternativa, di un evento di "pericolo", consistente nel fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva (Sez. 3, n. 9222 del 16/01/2015).

  • E' reato accedere alla posta elettronica altrui Open or Close

    (Pubblicato l'1/6/2016) Corte di Cassazione Sezione V Sentenza n. 13057/2016 

    La Suprema Corte di Cassazione ha affermato che si configura il reato ex art. 615 ter c.p. quando si accede abusivamente alla posta elettronica altrui, in quanto la casella di posta elettronica è uno spazio di memoria protetta da password personalizzata contenente dati personali e sensibili. 

  • Violenza sessuale e stalking : libertà della persona e autodeterminazione. Open or Close

    (Pubblicato il 24/5/2016) orte di Cassazione Sez. III 7/3/2016 Sentenza n. 9221

    La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza di cui sopra, ha ribadito che la libertà di autoderminazione di un soggetto in un rapporto sessuale deve permanere senza soluzioni di continuità e incertezze comportamentali per l'inera durata del rapporto (Sez. III 11/12/2007 n.4532, Sez. III 21/9/2007 n. 39428, Sez. III 10/5/1996 n. 6214).  

    In merito agli atti persecutori, ex 612 bis c.p., la Corte ritiene che per la configurabilità del reato è necessaria la reiterazione della condotta e l'assiduità delle molestie tali da creare senso di paura, di stress e cambio di abitudini di vita (Sez. III 7/3/2014 n. 23485, Sez. V 19/5/2011 n. 29872). 

  • Quando la convivenza è instabile non si configura il reato di maltrattamenti. Open or Close

    (Pubblicato il 3/5/2016) Cassazione Penale Sentenza n. 1340/2016

    La Suprema Corte di Cassazione afferma che affinchè si configuri reato di maltrattamenti familiari è necessario che sussista un rapporto stabile e di durata tale da creare un rapporto effettivo tra colpevole, vittima e abitazione e luogo dove si realizza il reato. Non è configurabile, pertanto, il reato di maltrattamenti in famiglia quando il rapporto instaurato è caratterizzato da precarietà e instabilità.

     

Copyright © 2016 Tutti i diritti riservati - P.Iva: 07692840015
Utilizziamo i cookie per assicurarti una migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti, solo per scopi statistici.
Per informazioni sui cookies, clicca qui. Continuando a navigare su questo sito accetti il loro impiego. OK